Imballo originale di una Harley Davidson

Posted On 9 settembre 2015 By In Harley usate With 2559 Views

Come preparare la tua harley per una spedizione internazionale

Dunque ci siamo. Hai appena deciso di comprare una bellissima Harley oltreoceano, dove c'è maggiore scelta e hai trovato esattamente il modello che cercavi, pronto per essere personalizzato. Oltretutto, hai pensato, a dispetto del cambio che non sempre è favorevole, i prezzi continuano ad essere un buon 30% più bassi in America rispetto all'Europa... Il problema che devi prepararti ad affrontare si chiama "international Shipping" o spedizione internazionale. Ti avviso subito che si tratta di un argomento non banale dove probabilmente ti giocherai quel 30% che hai risparmiato tra costi di trasporto e tasse di importazione doganale. Per questo, se hai deciso di comprare la moto in America solo per risparmiare ti suggerisco di chiudere questa pagina, tronare su ebay e annullare subito l'offerta che hai fatto. Ha senso comprare una Harle negli states solo se trovi esattamente quello che cerchi. Ti faccio un esempio: qualche settimana fa un collezionista metteva in vendita una Harley Sportster modello militare del 1971, ancora con la vernice originale... credo che ne abbiano fatto si e no una cinquantina di modelli, forse meno. Impossibile trovarla in Europa. Tornando alla spedizione internazionale, vediamo insieme le cose più importanti da sapere. 1 -valuta bene le modalità di trasporto Spedire una moto dall'America all'Europa non è come fare un viaggio in Germania con Germanwings e tornarsene con una "nuova" Harley sotto il sedere. La moto dei tuoi sogni dovrà affrontare un lungo viaggio probabilmente per nave (se non vuoi affrontare una costosissima spedizione aerea). Per farlo nel modo migliore dovrà essere imballata possibilmente in un involucro chiuso, pallettizzabile (ossia montata su ripiani in legno tipici delle spedizioni). La scelta di un involucro chiuso è preferibile per evitare che movimenti inattesi durante la spedizione portino la moto ad urtare contro altri colli di spedizione o anche solo a danneggiarsi durante le manovre. Nelle foto che seguono vedete la differenza tra un pallet aperto e uno chiuso. Una Harley pronta per essere spedita per viaggi brevi Una Harley Davidson Ultra Classic pronta per una spedizione internazionale Attenzione anche al tipo di imballo: nella seconda foto il trasportatore sta usando una cassa di legno fatta su misura... può sembrare una banalità per chi è avezzo alle spedizioni, ma per i neofiti usare il legno spesso corrisponde a perdere la moto in dogana. Il legno per le spedizioni infatti richiede un trattamento particolare per renderlo conforme alle norme ISPM15 relativa alle misure fitosanitarie internazionali. In buona sostanza, non potete andare dentro un Brico e comprare un po' di fogli di pino o abete e farvi la cassa in casa. 2 - prepara la moto ma prepara soprattutto le carte Spedire la moto è forse la parte più semplice, in fondo devi solo fare in modo che sia ben imballata, ancorata alla cassa per far si che non si muova durante gli spostamenti e trovare lo spedizioniere che te la porta in giro per il mondo. Quando però la moto arriva al porto italiano…

Model Reviews

Performance - 69%
Speed - 74%
Comfortable - 71%
Design - 82%
Acceleration - 72%
handling - 65%

72%

Great !

Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur

User Rating: 3.64 ( 30 votes)
72

Dunque ci siamo.

Hai appena deciso di comprare una bellissima Harley oltreoceano, dove c’è maggiore scelta e hai trovato esattamente il modello che cercavi, pronto per essere personalizzato. Oltretutto, hai pensato, a dispetto del cambio che non sempre è favorevole, i prezzi continuano ad essere un buon 30% più bassi in America rispetto all’Europa…

Il problema che devi prepararti ad affrontare si chiama “international Shipping” o spedizione internazionale.

Ti avviso subito che si tratta di un argomento non banale dove probabilmente ti giocherai quel 30% che hai risparmiato tra costi di trasporto e tasse di importazione doganale. Per questo, se hai deciso di comprare la moto in America solo per risparmiare ti suggerisco di chiudere questa pagina, tronare su ebay e annullare subito l’offerta che hai fatto.

Ha senso comprare una Harle negli states solo se trovi esattamente quello che cerchi. Ti faccio un esempio: qualche settimana fa un collezionista metteva in vendita una Harley Sportster modello militare del 1971, ancora con la vernice originale… credo che ne abbiano fatto si e no una cinquantina di modelli, forse meno. Impossibile trovarla in Europa.

Tornando alla spedizione internazionale, vediamo insieme le cose più importanti da sapere.

1 -valuta bene le modalità di trasporto

Spedire una moto dall’America all’Europa non è come fare un viaggio in Germania con Germanwings e tornarsene con una “nuova” Harley sotto il sedere. La moto dei tuoi sogni dovrà affrontare un lungo viaggio probabilmente per nave (se non vuoi affrontare una costosissima spedizione aerea). Per farlo nel modo migliore dovrà essere imballata possibilmente in un involucro chiuso, pallettizzabile (ossia montata su ripiani in legno tipici delle spedizioni). La scelta di un involucro chiuso è preferibile per evitare che movimenti inattesi durante la spedizione portino la moto ad urtare contro altri colli di spedizione o anche solo a danneggiarsi durante le manovre. Nelle foto che seguono vedete la differenza tra un pallet aperto e uno chiuso.

Harley su un pallet in metallo

Una Harley pronta per essere spedita per viaggi brevi

Cassa in legno per la spedizione di un Harley Ultra Classic

Una Harley Davidson Ultra Classic pronta per una spedizione internazionale

Attenzione anche al tipo di imballo: nella seconda foto il trasportatore sta usando una cassa di legno fatta su misura… può sembrare una banalità per chi è avezzo alle spedizioni, ma per i neofiti usare il legno spesso corrisponde a perdere la moto in dogana. Il legno per le spedizioni infatti richiede un trattamento particolare per renderlo conforme alle norme ISPM15 relativa alle misure fitosanitarie internazionali. In buona sostanza, non potete andare dentro un Brico e comprare un po’ di fogli di pino o abete e farvi la cassa in casa.

2 – prepara la moto ma prepara soprattutto le carte

Spedire la moto è forse la parte più semplice, in fondo devi solo fare in modo che sia ben imballata, ancorata alla cassa per far si che non si muova durante gli spostamenti e trovare lo spedizioniere che te la porta in giro per il mondo. Quando però la moto arriva al porto italiano il tuo nuovo ostacolo si chiama dogana. Ogni prodotto importato deve superare un iter burocratico prima di poter entrare in qualsiasi Paese, e si, l’Italia non è neppure il posto peggiore quanto a regole doganali. Nel nostro caso l’importante è avere preparato per tempo i moduli e le carte necessarie. In molti casi è lo stesso spedizioniere internazionale che si occupa dell’iter doganale ma solo a partire dai moduli che voi compilate. La cosa più importante da NON FARE MAI è pagare la moto in contanti negli States (o con money transfer o paypal senza una tracciatura precisa del venditore).

Infatti il punto più dolente delle operazioni di sdoganamento consiste nel dover pagare le tasse di importazione che, in genere, si aggirano su un 20% del valore del prodotto importato. Ora, il punto è che se voi vi presentate alla dogana con regolare fattura di vendita, documenti di proprietà della moto in regola e (meglio averlo per dimostrare il reale prezzo pagato) ricevuta del bonifico/estratto conto della carta di credito che attesta il pagamento, il 20% lo pagate sul valore del prodotto che voi dichiarate. Se invece i moduli non sono in ordine o il doganiere decide che state facendo i furbi (presentandovi con una fattura da 500 $ per una Harley Ultra Classic, p.e.) il valore del prodotto lo stabilisce lui… e voi non volete che uno che non capisce niente di Harley Davidson faccia una ricerca su Google per dare un valore a una Harley usata usando come parametro il mercato Italia…

3 – Scegli lo spedizioniere a cui affidarti.

Infine, quando tutto è pronto, dovrete lasciare la moto in mano a uno spedizioniere che si occuperà del trasporto visto che, no, non potete imbarcarla nell’aere con cui tornate in Italia. Ora la scelta dello spedizioniere giusto è un momento molto delicato perchè, di fatto, se la moto arriva in Italia nelle stesse condizioni in cui si trovava quando l’avete comprata e quanto tempo ci mette ad essere fuori dal vostro garage, dipende solo da questa scelta.

Di recente è nato un servizio di nome UShip.com che è un comparatore di offerte per la spedizione. In buona sostanza, inserite nel sistema il tipo di spedizione (Moto), il punto di partenza, il punto di destinazione, un po’ di foto per far capire meglio cosa volete trasportare e il sistema consegna la vostr arichiesta di offerta a diversi spedizionieri. Abbiamo fatto qualche prova dagli STates all’Italia e in alcuni casi le offerte che ci sono arrivate erano comparabili se non migliori dei classici preventivi.

Se volete ripiegare su uno spedizioniere “tradizionale” il suggerimento è quello di appoggiarsi a chi abbia esperienza di spedizioni di moto. Un esempio per tutti è il servizio di spedizioni internazionali da cui abbiamo tratto una delle foto dell’articolo: EXShip che ha evidentemente esperienza di spedizione di Harley Davidson.

Detto tutto ciò, non mi resta che augurarvi in bocca al lupo per la prossima spedizione internazionale.

 

Tags :

About

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *